La rivista bimestrale

promossa dal ministero dell’interno

libertàcivili è una rivista bimestrale di studi e documentazione che prende il nome dal Dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, promotore dell’iniziativa editoriale. Nata nel 2010, è destinata all’approfondimento delle molteplici questioni legate al fenomeno dell’immigrazione nell’attuale contesto italiano ed europeo, letteralmente esploso nell’arco di tre decenni, determinando una grande complessità di questioni giuridiche, sociali, economiche, demografiche, di sicurezza e, dunque, di politica generale. Un’immigrazione sempre più stabile, divenuta anche nel nostro Paese una questione strutturale come già in altre nazioni dell’Unione Europea, quali Francia e Germania, che genera problemi la cui soluzione poggia su uno spettro di interventi fra loro strettamente collegati: la regolamentazione dei flussi d’ingresso, l’azione di respingimento dei clandestini, l’accoglienza e l’integrazione degli immigrati in regola.

Molte volte vengono diffuse dai mass media cifre e indicazioni discordanti sui diversi aspetti di questo mondo, alimentando polemiche pretestuose. libertàcivili vuole essere un punto di riferimento certo, in sede italiana e in sede europea, per far conoscere le reali dimensioni, i reali sviluppi, i reali problemi dell’immigrazione nel nostro Paese. Il suo target sono le istituzioni pubbliche e private, il mondo delle associazioni e delle università, i professionisti dell’informazione, con l’obiettivo di “formare i formatori di opinione pubblica”.

Ogni numero della rivista ha una parte monografica (il Primo Piano) che, di volta in volta, esamina un aspetto specifico del problema immigrazione, con una attenzione a 360 gradi su ogni risvolto dell’argomento trattato. Una seconda sezione è dedicata all’Europa, in coerenza con il rilievo che le politiche dell’UE hanno ormai assunto su molteplici aspetti della questione migratoria e anche con la nuova collocazione della rivista, la cui pubblicazione è finanziata nell’ambito del nuovo Fondo asilo, migrazione e integrazione (FAMI). La seconda parte della rivista è divisa in una serie di Rubriche che mirano a trattare con sistematicità una serie di temi collegati all’immigrazione: dall’integrazione ai mass media, dalle best practice al dialogo interculturale, dalla cultura al lavoro. Un aspetto peculiare della rivista riguarda poi la sezione Documentazione, che fornisce dati aggiornati del Ministero dell’Interno e altri documenti inerenti al tema.

  • DIRETTORE EDITORIALE: Gerarda Pantalone – Capo dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione.
  • DIRETTORE RESPONSABILE: Flavia Perina
  • Redazione: Enrico Fresu, Alessandro Grilli, Claudia Svampa
  • Coordinamento redazionale: Stefania Nasso
Comitato scientifico
  • Presidente: Enzo Cheli – Vice presidente emerito della Corte Costituzionale

COMPONENTI

  • Vincenzo Cesareo – Professore emerito di Sociologia generale – Università Cattolica del Sacro Cuore – Milano

  • Mario Giro – Viceministro agli Affari esteri

  • Antonio Golini – Professore emerito, già ordinario di Demografia – “Sapienza” università di Roma

  • Angelo Malandrino – Prefetto

  • Mario Morcellini – Direttore del dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale – “Sapienza” università di Roma

  • Mario Morcone – Capo di gabinetto del Ministero dell’Interno

  • Giuseppe Roma – Segretario Rete Urbana delle Rappresentanze (RUR)